Analisi di Mercato

Le Arti Divinatorie

Sempre più guru dei mercati finanziari si spingono fuori dalla tana per spiegare al mondo cosa succederà nel futuro. La logica adottata è semplice e probabilistica: siamo al decimo anno di Bull Market, i mercati sono ai massimi. Cosa è piu probabile che accadrà nei prossimi tempi, una continuazione del rialzo o un’inversione?

Alcuni coraggiosi hanno celebrato le gesta del prossimo Orso ormai da tempo ma si da il caso che, ancora ad oggi, non siano riusciti a stanarlo. In barba alle sciagure pronosticate, i mercati (insensibili al comando) vanno al rialzo come niente fosse. Più audacemente, altri si spingono ai prossimi anni. Qualcuno, prima o poi, ci prenderà.

Tra le tante divinazioni fornite in tono a volte ieratico, mi viene in mente una frase improntata alla logica più popolare e schietta e che ha molto contribuito al mio modo di vedere i mercati: “che mi frega di sapere cosa faranno i mercati fra un anno, se non so nemmeno cosa faranno tra un minuto?”. Quanta verità.

Triple Screen, Indice SPX e NH-NL

Se Dio non gioca a dadi con l’universo, immaginiamoci se possiamo farlo noi. Abbiamo però la necessità di posizionare il mercato nella mappa delle probabilità per cercare di intendere i suoi più probabili e immediati movimenti e lo facciamo con i mezzi a disposizione: i nostri indicatori preferiti. L’indice NH-NL è uno dei migliori breadth indicator e segnala da tempo, con una divergenza sul prezzo, che la partecipazione dei titoli al rialzo è in diminuzione (frecce rosse). Questa settimana è stata breve sui mercati americani: la candela di mercoledì è per ora classificabile come un falso breakout che si è disegnato a +3ATR: un valore di ipercomprato che su un indice acquista un significato anche più importante. Come detto le scorse settimane, questo è un mercato con un risk-reward sfavorevole per aprire nuove posizioni long che non siano da rapina. Bene mantenere rimasugli di long aperti, bene trade long molto veloci, bene prepararsi a focalizzare i segnali short, ma niente di più. Il mercato è tirato ma è come un treno lanciato in corsa: anche se non accelera è in grado di travolgerti. Il trend comanda.

NASDAQ indice, mensile, MACD (18, 36, 9)

Sebbene attenda una correzione nel breve, il mio tono generale è bullish nel medio periodo e al termine di questo mese si è palesato un nuovo, significativo, segnale: Anche l’istogramma del NASDAQ mensile è virato in positivo, seguendo analoghi segnali avvenuti nei mesi passati su SPX, DAX, FTSEMIB, Nikkei. Statisticamente, sui grossi indici questo segnale ha una nota particolarmente rialzista.

Alcuni titoli da tenere d’occhio

ROKU (ROKU)

Divergenza ribassista light sul settimanale e doppia true divergence sul giornaliero (MACD-H e Force Index). L’impulse verde sul settimanale impedisce per il momento l’ingresso short.

Marriott International (MAR)

Doppia divergenza ribassista su weekly (punti 1 e 2), ipercomprato il daily. Qui le cose vanno un po’ per le lunghe ma titolo interessante. Entrambi i titoli risentono ancora dell’inerzia rialzista dei mercati (Impulse verde).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: