Analisi di Mercato

L’Insostenibile Leggerezza del Trend

Mercati ai massimi e minacce di recessione ovunque. Sarà, ma il trend non ascolta e va per la sua strada. Ma è certo che i mercati prima o poi devono smaltire un po’ di eccessi: l’analisi tecnica, sia pure a fatica, comincia a dare alle cassandre ribassiste qualche punto a favore.

Indice SPX e Indice NH-NL

Nell’analisi dello scorso fine settimana mi aspettavo un rallentamento e così è stato. Dopo l’apertura in gap-up lunedì, il mercato ha traccheggiato cedendo poco terreno, ha chiuso il gap mercoledì, nuova risalita giovedì dove ha formato un breakout (falso?) e chiudendo poco sotto i massimi venerdì, quasi a 3ATR. L’Impulse System è verde sul settimanale e blu sul giornaliero, proibendo gli short. L’indice NH-NL ha formato una divergenza in tutti e tre i timeframe considerati (frecce rosse), segno che il mercato in questa settimana ha tenuto, ma per inerzia. L’ATR 1.5 dai minimi si trova allo stesso livello della EMA 21, ovvero a 3034 punti: un supporto molto forte che farà da spartiacque tra l’attuale gamba rialzista ed una sua eventuale (prima o poi obbligata) correzione.

Nel riquadro in basso a sinistra è riportata la percentuale di titoli dell’indice S&P500 al di sopra della loro MA50: una percentuale superiore al 75% segnala un eccesso temporaneo al quale spesso segue una correzione. In questa settimana l’indice è stato respinto da quota 75%.

Futures in divergenza rialzista (sinistra) e ribassista (destra)

I future pertinenti a mercati rifugio (5 e 10 Year Note, argento, Yen giapponese, 30-Year Note, Oro) stanno formando divergenze rialziste mente tutti i maggiori indici finanziari, escluso il Nasdaq, (Russell 2000, Dow Jones, Mid Cap 400, S&P500), hanno già completato il setup che definiamo divergenza ribassista. Una situazione speculare che chiama al risk-off.

Un trend è tale fino al momento in cui non si interrompe: la potenza di questo trend rialzista va riconosciuta e rispettata, indipendentemente da quante cassandre stiano lamentando rumorosamente l’arrivo di una recessione. I segnali ci indicano solo che il risk-reward di questo mercato non è più vantaggioso: occore una fisiologica correzione prima di ricaricare i portafogli di posizioni long.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: