• Tattica

    La Divergenza con Falso Breakout seconda parte

    Nessun setup in analisi tecnica si presenta uguale e così anche per le divergenze prezzo-MACD-H. Dobbiamo quindi prendere in considerazione alcune caratteristiche che contraddistinguono i migliori setup, quelli cioè con una più elevata probabilità di guadagno. La Figura 1, mostra le caratteristiche qualitative che vanno cercate in una divergenza: La differenza tra i due minimi di prezzo non deve essere superiore al 2%. Se la divergenza deve effettivamente portare a un reversal, la forza ribassista deve gradualmente diminuire. Una differenza tra i due minimi di prezzo superiore al 2% mostra che la forza ribassista è ancora a regime. La distanza tra i minimi del MACD-H deve essere compresa tra 20…

  • Tattica

    La Divergenza con Falso Breakout

    Ogni trader professionista opera nel proprio habitat naturale dove la selezione dei mercati, delle strategie, dei timeframe fino ad arrivare ai singoli strumenti su cui fare trading avviene con l’esperienza ed è influenzata, se non dettata, da motivazioni più o meno inconsce e legate alla personalità del singolo trader. L’habitat naturale di Alexander Elder è il controtrend attraverso le divergenze. Il giovane Elder lavorava come ufficiale medico a bordo di una nave sovietica, dalla quale fuggì mentre era all’ancora in un porto africano, chiedendo poi asilo politico all’ambasciata americana del luogo: la sua divergenza di pensiero con l’allora impero sovietico è stata poi traslata ai mercati, facendo diventare il trading…

  • Trading

    Bayer, possibile bottom

    Dai massimi assoluti del 2015 Bayer ha perso il 63% e, salvo un rally rialzista nel 2017, sono ormai quattro anni di caduta più o meno libera, precipitata nelle ultime settimane con la questione del glifosato. Il quadro tecnico è però finalmente interessante. Analizzandola con la tecnica del Triple Screen, prendiamo decisioni tattiche sul timeframe superiore (in questo caso il settimanale) e quelle strategiche sull’intermedio, ovvero il giornaliero sul quale facciamo trading. Il settimanale presenta una divergenza rialzista con falso breakout, in formazione, alla quale si aggiunge una divergenza del Force Index a 13 periodi. Impulse rosso: il long non è ancora consentito. Sul giornaliero, una massiva divergenza MACD-H-prezzo con…

  • Analisi di Mercato

    Incertezza

    Pochi dubbi che il Bengodi al quale le ultime generazioni di trader si sono abituate sia, almeno temporaneamente, terminato. Quel “temporaneamente” va collocato nel tempo del mercato, che non è il nostro. Per noi, è un anno e mezzo che il rialzo quasi ipnotico e rassicurante ha smesso di compiacerci: un tempo non breve. Per il mercato, non un battito di ciglia ma quasi. A Febbraio 2018, prima grande correzione, non avevo dubbi che il mercato si sarebbe ripreso e regalato nuovi massimi: se quello fosse stato il top di mercato seguito da un Bear Market, avremmo infatti assistito a qualcosa di insolito: un mercato pluriennale rialzista che, improvvisamente, fa…

  • Analisi di Mercato

    Verso 3000

    I mercati americani sono come un treno pesante e d’acciaio, con decine di vagoni, a cui è stata data un’accelerata allo spasimo ed ora sta procedendo per inerzia, con il macchinista che ogni tanto si ricorda di dare gas. Il fatto che proceda per inerzia non significa assolutamente che sia prossimo a un’inversione e la totale assenza di segnali in questo senso, sconsiglia di organizzarsi per lo short. I mercati hanno un Grande Attrattore che li costringe a salire e francamente pochi motivi per scendere, se non quello che tutti guardano: un Bull Market vecchio di 10 anni. Il Grande Attrattore è la vertiginosa quota 3000. Penso quindi che questo…

  • Analisi di Mercato

    Falso Breakout ai Massimi

    Dopo oltre 4 mesi di salita più o meno senza pause, è tempo di un pausa, ma SPX prosegue al rialzo con una terribile inerzia: la spinta propulsiva di Natale sta ancora avendo effetto. Su weekly, un falso breakout dei massimi di Ottobre, su daily un Bearish Engulfing piuttosto evidente. Come detto, l’inerzia con cui si sta muovendo il mercato e la vetta proibita di 3000 punti lì a un passo, non rende probabile che questi due segnali abbiano un effetto altro, se non quello di avvisare in modo sempre più leggibile che è tempo di fermarsi.

  • Tattica

    Short e il Principio di Archimede

    Lo short non è l’immagine speculare del long: è una bestia molto diversa.Andare short è come cercare di spingere un pallone sott’acqua: per il Principio di Archimede, tanto più a fondo immergerete il pallone, tanta maggiore forza sarà necessaria per tenerlo sott’acqua. Nei mercati valgono le stesse leggi fisiche: tanto più a lungo mantengo short un titolo, tanto maggiore deve essere la forza ribassista perchè il bias long del mercato (cioè il Principio di Archimede) tenderà prima o poi a riportare il prezzo in superficie e lo farà con violenza proporzionale alla durata e alla profondità del ribasso, come successo a Marzo 2009 o a Dicembre 2018. Nella pianificazione e…

  • Ricerche

    Questa volta è diverso?

    In un post di un paio di mesi fa parlavo di un RSI modificato applicato al grafico SPX settimanale. Negli ultimi 60 anni, e cioè dal 1960, ogni volta che l’indicatore è passato a bullish, è seguito un periodo rialzista della durata di anni. Qui i primi quasi 40 anni di storia: il timeframe, come detto è settimanale. L’RSI modificato passa a bearish (rosso) quando incrocia al ribasso il livello di 40; bullish (blu) quando incrocia al rialzo il livello di 60. Le linee tratteggiate verticali segnalano tutti i passaggi da bearish a bullish dal 1960 a metà anni ’90: ogni incrocio rialzista ha inaugurato il successivo mercato toro durato…

  • Riflessioni

    Il Trading su Misura

    Nei miei lunghi anni dedicati al trading, ho sempre partecipato molto poco ad eventi, seminari, corsi, webinar. Quando mi capitava ascoltavo con interesse (tutto ciò che è trading, per me, è interessante) poi tornavo a casa e non riuscivo ad applicare quello che avevo ascoltato, non perchè fosse difficile ma lo sentivo come estraneo, qualcosa di posticcio. Non mio. Anche il mio amico e compagno di battaglie Raffaele Galbiati ha fatto del bello e del buono per introdurmi nel mondo delle opzioni: mi sono arreso, non fanno per me. La ragione di tutto questo è semplice: il trading è un’attività solitaria non solo nella sua esecuzione, ma anche e soprattutto…